Gli stickers tanto utilizzati nelle chat
Tech Confidential,  Tutelarsi Online

Attenzione agli stickers: postate con la testa

Tutti noi ci divertiamo ad usarli mentre chattiamo con le app di instant messaging come WhatsApp, Telegram, Facebook Messenger.

Sono gli stickers, i classici adesivi digitali che rendono le nostre conversazioni online ancora più dirette, divertenti e simpatiche e che ci hanno consentito di variare rispetto al ristretto vocabolario delle emoticons.

Versatili, fissi o animati, suddivisi per preferiti o categorizzati per argomento, da noi scelti e scaricati con pacchetti extra gratuitu dagli Store disponibili o addirittura creati da noi direttamente.

Quelli più in voga con un processo di diffusione che è quasi sempre virale.

Molte infatti le app che ci consentono di creare stickers personalizzati a partire da disegni o fotografie (ad es per gli stickers di WhatsApp e Facebook Messanger possiamo ricordare le app Sticker Maker oppure Sticker Studio, per Telegram il bot @stickers).

E proprio questa facilità di realizzazione da parte di chiunque, non solo dalle aziende di terze parti in base alle varie preferenze degli utenti, che ci porta a dover prestare attenzione all’affidabilità di quanto scarichiamo dagli Store.
Consiglio valido sempre, non solo per i pacchetti di stickers.

Infatti gli stickers, come tutti gli strumenti tecnologici a grande diffusione, potrebbero essere utilizzati dagli hackers per veicolare sui nostri dispositivi dei malware.

Oppure, come ci avverte la Polizia Postale, potrebbero avere un contenuto offensivo, violento, discriminatorio, antisemita, nonché pedopornografico.

Di recente, tra i giovani e i giovanissimi, la nuova frontiera dell’instant messaging è rappresentata dagli sticker, fenomeno in crescente diffusione, che consiste nella condivisione, sulle piattaforme di messaggistica istantanea, di adesivi digitali gratuiti, a contenuto offensivo, violento, discriminatorio, antisemita, nonché pedopornografico. Negli ultimi mesi anche WhatsApp ha offerto agli utenti la possibilità di utilizzare, accanto a emoji, gif e pacchetti di sticker messi a disposizione dall’applicazione stessa, anche la possibilità di crearne di personalizzati, ricavandoli da fotografie reali, tramite diverse App gratuite, disponibili per IOS e Android, che ne consentono la modifica. Questo tipo di servizio sta ricevendo il consenso degli utenti preadolescenti e adolescenti, che spesso ne fanno un uso improprio, diffondendo adesivi digitali dai contenuti illeciti (pedopornografici, xenofobi, discriminatori, etc.), che configurano reati gravi.

Polizia Postale

Tanti i consigli della Polizia Postale che ci invita a prestare attenzione quando scarichiamo, creiamo e/o condividiamo gli stickers. Ma soprattutto quando ci ricorda di “postare con la testa“.

Anche questo consiglio valido sempre, a prescindere dagli stickers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto